logo

Che cos’è un IMF?

IMF schema

L’IMF (Interoperable Master Format) è un contenitore audiovisivo definito e mantenuto dallo standard SMPTE (Society of Motion Picture and Television Engineers) ST 2067.
Analogamente al Digital Cinema Package (DCP) e suo successore diretto, il formato IMF è un pacchetto composto da molteplici essenze video, audio e di testo ed è basato su differenti variazioni di standard in base al target di utilizzo.

La sua funzione principale è quella di rappresentare un archivio di consolidamento non solo dell’opera completa ma anche di tutte le sue versioni alternative destinate ad altri mercati oltre che quello originale, L’IMF è infatti utilizzato come formato di delivery e archiviazione da e per conto di aggregatori di contenuti, piattaforme OTT (come ad esempio Netflix, una delle prime ad averlo implementato) e società che operano nel cinema e nel broadcast.

Il formato IMF è studiato per essere elastico e scalabile e, contenendo al suo interno tutte le tracce video e audio in maniera separata, non solo si distingue per comodità in applicazioni di archiviazione ma anche per la sua versatilità in caso si renda necessario apportare modifiche; analogamente a quanto è possibile effettuare con i DCP infatti anche nel caso degli IMF non sarà necessario esportare nuovamente interi master in seguito a modifiche alle tracce o a tagli ma sarà possibile implementare eventuali cambiamenti operando sul pacchetto già esistente, modifiche che verranno registrate e applicate in fase di riproduzione e analisi grazie a metadati facilmente interpretabili dalle suite software in grado di lavorare e validare il formato IMF.

Il meccanismo di funzionamento intrinseco di questo formato, la condivisione di essenze video e audio tra differenti versioni di un’opera, rende obsoleto qualsiasi altro sistema di archiviazione di master cinematografici e televisivi, non sarà infatti più necessario preparare molteplici versioni del prodotto utilizzando diversi formati ma basterà consolidare tutto in un singolo pacchetto, risparmiando quindi costi, tempo e spazio su disco.

Un pacchetto IMF può essere utilizzato sia per opere cinematografiche che televisive e in generale per qualsiasi tipo di contenuto audiovisivo a prescindere dalla durata del progetto ma nonostante sia possibile integrare modifiche (come cambi di tracce audio, modifiche ai sottotitoli, tagli e ri-edizioni), è unicamente adatto a prodotti completi e non ancora in fase di lavorazione.

L’Interoperable Master Format supporta la totalità dei framerate, risoluzioni FullHD e UHD/4K oltre che tecnologie come HDR Dolby Vision e audio immersivo e si prospetta come il sistema di delivery e archiviazione più a prova di futuro grazie alla forte possibilità di espansione e sviluppo del formato e l’implementazione delle OPL (Output Profile Lists), delle operazioni macro in grado di fornire informazioni e automatizzare i processi di transcodifica per la riproduzione. La tecnologia OPL è tutt’ora in sviluppo con l’obiettivo di creare uno schema di codice generico e facilmente interpretabile da parte di ogni software in grado di utilizzare il formato IMF.

Immagine in copertina da EBU

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Privacy e cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi